Bello pedalare, ma non per Trenord

Convogli quasi vuoti, ancor di più dopo il diligente raddoppio delle vetture per il distanziamento antivirus. Ma le bici no.
Per le bici non c'è posto.
Trenord fa marcia indietro sul famigerato divieto alle bici in carrozza in Regione Lombardia. Ma non per noi. La tratta Brescia-Iseo-Edolo resta inaccessibile ai turisti delle due ruote. In barba alla considerazione per la montagna, al turismo dolce, alle nuove (positive) tendenze.
Dopo i recenti successi nella gestione della sanità, ecco la Regione Lombardia dar prova della modernità e dell'efficienza del governo leghista anche nel settore trasporti. E dell'attenzione a quella montagna lombarda da cui la Lega attinge gran parte dei suoi voti. Assessore Caparini compreso.

Bruno Bonafini

Commenti